Donna a 360 gradi: storia di una passione realizzata

<3

Cari amici,

proseguiamo il nostro discorso sulla passione raccontandovi oggi la storia di Luisa, del suo coraggioso cambio di vita, di abitudini e di relazioni per realizzare un suo sogno. Dalla stabilità di una professione avviata all’avventura di Mon Amour, non solo un negozio di lingerie, ma un progetto dedicato alla valorizzazione di tutte le donne e alla riscoperta della femminilità. E’ anche un esempio di come l’importanza primaria data alla persona, la comunicazione attenta e il piacere della relazione, ovvero i principi di base del counseling, facciano la differenza anche in campo imprenditoriale, favorendo non solo il successo professionale ma anche una profonda soddisfazione personale.

Tutto ha inizio nel 2010 quando Luisa decide di fare il grande passo: “Dicono che sia una storia romantica, ma io penso che nella vita bisogna seguire gli istinti e cambiare rotta quando è giunto il momento. Ho sempre avuto una certa abilità con i numeri e l’informatica che mi ha portato prima a laurearmi in Economia e Commercio e poi a diventare consulente finanziario. Una professione gratificante che mi piaceva molto anche perché i numeri non sono così aridi come si crede.”

Certo non era facile gestire la professione ed essere contemporaneamente donna, moglie e madre; ciò portava a fare continuamente delle scelte per conciliare lavoro e famiglia, con la consapevolezza di non avere grandi possibilità di crescita e “rimanere costantemente in un ruolo da gregario, che non è proprio nella mia personalità. Allora decisi che era ora di cambiare e che il mio cervello sarebbe stato solo al mio servizio”. Era il periodo in cui il burlesque era in pieno revival e grazie ad un viaggio, l’ispirazione presa da un negozio in Spagna, ed un’intuizione tutta personale, Luisa sceglie di ripartire da zero. “Avevo bisogno di dare spazio alla creatività, al gioco e alla leggerezza, il numero ti tiene a terra, con il negozio potevo volare alto.”

 Quando le chiedo perché Mon Amour non è solo un negozio, mi risponde senza esitazione e le si illumina il volto: “È più che altro una boutique, uno spazio intimo dedicato alle donne, che imparano a conoscersi, accettarsi e piacersi. Qui le clienti diventano amiche perché ricevono consulenza e attenzione personalizzata. Sai che la maggior parte di noi indossa un reggiseno sbagliato? O che si può essere sexy ed eleganti anche con una delle misure extralarge? Qui ci occupiamo della donna a 360° e accompagniamo i suoi mutamenti del corpo nel tempo: dalla ragazzina con le forme acerbe alla donna in ogni sua fase di vita ed in tutte le taglie, anche quelle introvabili, senza mai rinunciare a bellezza e femminilità. Qui è bandito il concetto dello standard: ogni donna è unica e ha diritto a star bene con se stessa, non sei tu donna a dover seguire il mercato ma è il mercato a dover seguire te”.

Luisa poi mi racconta che nello spazio protetto del camerino, si instaura un rapporto di fiducia e quasi tutte le clienti diventano amiche, rivelando la necessità di essere informate e guidate nelle scelte. “Per me è fondamentale chiedere il permesso: offro la mia consulenza solo se richiesta, e chiedo sempre come preferiscono essere aiutate nelle scelte, non è certo scontato farsi vedere o toccare, seppur da un’altra donna.” E poi l’assenza di giudizio: “Non esiste un corpo sbagliato, un capo sta bene o non sta bene. Non è solo questione di taglia, è importante che la cliente si senta a proprio agio, stia comoda e che ciò che acquista sia nelle sue corde.” Ecco che si è andati oltre il concetto di negozio, creando un luogo intimo dove Luisa ha una missione: Riconoscere ad ogni donna la propria femminilità, riscoprendo leggiadria e sensualità.”

A questo proposito, mi parla di un altro servizio davvero speciale e personalizzato che è quello del Fitting Bra, ovvero un termine anglosassone per indicare una consulenza mirata alla scelta del reggiseno o del costume mare più giusto. “E’ un momento molto speciale, da vivere singolarmente o tra amiche – sai, organizziamo anche dei Fitting Bra Party che diventano vere e proprie feste – dove ogni donna è chiamata a prender coscienza del proprio corpo e a sapere come valorizzarlo. Per scegliere bene è importante conoscere alcuni dettagli tecnici che in genere non si spiegano, come la relazione tra giro-seno e giro-torace, la regolazione delle spalline e come indossarlo correttamente. C’è sempre un prodotto per tutte: esistono seni piccolissimi, molto floridi, svuotati, centrali, laterali, irregolari, chiunque ha la possibilità di trovare il reggiseno giusto, anche su misura, senza doversi necessariamente rivolgere ai negozi sanitari, convincendosi di avere un problema. Quante donne mi hanno purtroppo riferito che non riuscivano a trovare niente perché ‘con un seno come il suo, cosa pensa di trovare?’ Non esistono donne sbagliate, esistono donne uniche. Sai che dopo un Fitting Bra, il 50% delle clienti, vuole tenere il nuovo reggiseno indosso?”

Di Luisa mi hanno colpito molto la passione che ispira scelte e comportamenti e la tenerezza con cui racconta il suo rapporto con le clienti. Ogni donna che entra in negozio è per me un viaggio. Si crea subito una confidenza, la voglia di raccontarsi, di condividere, di sorridere insieme e tramite ognuna di loro prendo coscienza della realtà femminile che è molto più ricca e complessa di quanto abbia mai immaginato.” Ed è un amore ricambiato: sin dal 2012 Mon Amour viene premiato e segnalato come uno dei migliori negozi d’Italia, per l’immagine, il servizio e la comunicazione. Non solo la creazione di eventi, dalla scoperta dei 5 sensi alle sfilate di moda, ma anche l’utilizzo social della pagina Facebook, dove le clienti continuano a dialogare, raccontarsi e scambiarsi esperienze, creando una vera e propria comunità di amiche.

 

Post collegati (Potrebbero interessarti anche)
L’ozio…il più raro dei vizi
Guerra e Pace
“Dimmi, Tiresia”
Il Fregio di Beethoven
il cadavere squisito
BONTÀ, BUONISMO, CATTIVERIA: NATURA UMANA O NECESSITÀ? Cronache dal Café Philo

Commenti

  1. Barbara Righini

    marzo 2, 2014 at 12:45

    Il mio negozio di lingerie preferito, proprio perché c’è Luisa 🙂

    • Stefania Nanni

      marzo 2, 2014 at 12:50

      eh sì, è proprio vero che sono le persone a fare la differenza 🙂

  2. Giulia

    marzo 6, 2014 at 14:00

    …Verrò a far visita al negozio! …intanto grazie dell’articolo…, mi è arrivata una gran bella emozione!! 🙂

    • Stefania Nanni

      marzo 6, 2014 at 15:27

      grazie giulia,
      e’proprio vero, si crea sempre una grande emozione quando le donne si incontrano nell´alleanza e nella condivisione 🙂

Lascia un commento

Informativa Policy