Ringraziare

<3

Il Quarto Giovedì di Novembre, in America, si festeggia il Ringraziamento, festa nota soprattutto per quel menù che prevede lo sterminio dei tacchini.

Non è facile ignorare questo particolare deprecabile ma se andiamo oltre e guardiamo all’essenza, la festa appare meravigliosa con il suo celebrare e rilevare l’essere grato.

Quel senso di gratitudine per ciò che abbiamo e che dovremmo abituarci a restituire ogni giorno e che, invece, tendiamo a ignorare, preferendo la lamentazione.

Essere grato è un sentimento dotato di sapore.

Manifestarlo riempie di gusto la vita, porta a provare gioiosità e ad alimentare quella fiducia che sappiamo tanto importante.

Se è vero che nel nostro quotidiano dovremmo inserire il ringraziare la Vita per ogni singolo istante, è altrettanto vero che dedicare un giorno intero a celebrare la gratitudine può solo aiutarci a porre l’accento sull’importanza.

Quando, infatti, dedichiamo del tempo e la nostra attenzione a qualcosa, automaticamente, gli stiamo dando valore.

Celebrare, quindi, la gratitudine con un giorno specifico appare un atto psico -magico perché la vita sia piena di essa.

Quanta allegria può ingenerare alzarsi la mattina sapendo che di lì a poco la casa si riempirà di familiari e amici con cui condividere un Grazie.?

E che insegnamento meraviglioso per i più piccoli.!

Una giornata dedicata al nutrimento dell’animo attraverso la gratitudine e all’apertura di cuore attraverso la fiducia che ne deriva.

Per questo ho deciso di festeggiarlo anch’io.

Lo faccio con mio figlio.

Per ricordare a me stessa e a lui di essere grati, di sorridere per il ben-essere che abbiamo, per il cibo che è presente sulla nostra tavola, per l’amore che ci lega, per la bellezza della natura, per i frutti autunnali; per gli amici che ci circondano.

Per ringraziare la Paura che quest’anno mi sta accompagnando in vari momenti;  il Coraggio che mi sorregge in altri; il lavoro interiore che passo dopo passo continuo a intraprendere; i momenti di sconforto e quelli di esaltazione.

Sono grata  per una notte passata in un posto magico e per la malinconia di una separazione; per la gioia di un abbraccio e il calore di un sorriso.

Per ricordarci di dire, aprendo gli occhi la mattina, “Grazie, perché ho un’altro giorno da sperimentare”!

Ogni piccolo istante merita di essere immortalato in una cornice positiva, essendo atto unico di un’opera irripetibile quale è la nostra vita.

Per questo trovo la Celebrazione del Ringraziamento una festa meravigliosa.

Perché  Ogni Giorno abbiamo la splendida opportunità di essere gioiosi e abbiamo più di un motivo per restituire il nostro “GRAZIE“.

Grazie!Grazie!Grazie!

 

 

Post collegati (Potrebbero interessarti anche)
Cecilia Tessieri e l’arte del cioccolato
Le Parole  “Non dette”
La Voce dell’Anima
Lui non è Te
Ricomincio da “Serendipity”

Lascia un commento

Informativa Policy