Un gioiello per amico

<3

La collana di cristallo di rocca risplende sul velluto blu intenso.  “ La pietra di luce”, come la chiamano gli sciamani, è il cristallo sovrano, capace di convogliare energie positive. E’ affascinante per la sua semplicità ed eleganza e per la capacità di scomporre la luce bianca nei colori dell’arcobaleno. Indossandolo ci si sente avvolti da una spirale di energia in continuo movimento.

“Rende prezioso anche un semplice tubino nero: mademoiselle Chanel l’avrebbe amato, dice Roberta, che sogna di diventare una Coco dei gioielli: della musa francese apprezza soprattutto la naturalezza e quell’apparente casualità con cui creava i suoi modelli ma, a differenza della famosa stilista, si ritiene più fortunata per quanto riguarda gli affetti: un marito, due splendide figlie, cinque cani, una casa sul lago di Bracciano e un talento naturale.

Roberta, professione informatrice medico scientifica, per hobby realizza gioielli. Una passione nata tanti anni fa, quasi per scherzo, che oggi l’ha portata a siglare un contratto con un nuovo canale TV, HSE, specializzato nella vendita e che cercava una linea di gioielli da proporre.  Qualcosa che permettesse a tutti di indossare oggetti artigianali di pregio ma economicamente accessibili.

“Tanti anni fa, eravamo alla Maddalena, avevo raccolto conchiglie e legnetti in spiaggia, una mania che mi porto dietro dall’infanzia, e li stavo unendo per realizzare una tendina. Un’amica l’ha messa al collo dicendomi – ma che tendina – è una splendida collana!”.

Questo l’incipit di una storia di amicizia, di passione, di perle, di pietre, di bisogno di recuperare un proprio mondo perso troppo in fretta e uno spazio privato dove far emergere la bambina gioiosa e creativa, che l’adulta nella quotidianità tende a dimenticare.

Roberta realizza le sue creazioni nei weekend e soprattutto in estate.

“Andare in vacanza, per me, significa rimanere a casa a creare monili. Dopo le attività quotidiane, mi concedo il pomeriggio, mi siedo in giardino con l’ago nelle mani e lavoro. Sono momenti dedicati dove mi rilasso completamente e mi godo il piacere di riposarmi intellettualmente attraverso un lavoro manuale. Mia mamma ricamava e anche lei, il pomeriggio, dopo aver sbrigato le varie faccende, si sedeva al telaio e produceva opere meravigliose”.

Si sofferma quasi stupita dell’analogia comportamentale tra lei e la mamma.

“I gioielli sono un modo d’arte, un quadro che prende forma. Ho una stanza apposita con tante scatole fili e colori. Sogno, però, di adibire un’ala della casa a laboratorio con un lucernaio e un grandissimo tavolo su cui poggiare tutto, senza dover, come oggi, spostare le cose o salvarle dalle fauci dei cani.”.

Gli occhi s’illuminano al pensiero. Sembra rievocare la piccola principessa che nel suo abbaino fantasticava di un mondo incantato.

“Avere il materiale a disposizione è fondamentale per me. Io non disegno, guardo la materia prima e inizio a lavorare; vado avanti così, cambiando, aggiungendo, dando spazio alla fantasia. M’ispiro allo stile ottocentesco che abbinava diamanti grezzi con turchesi, onice e altre pietre dai diversi colori. Creo oggetti dalle molteplici funzioni: adoro il doppio utilizzo dei miei gioielli; una collana il cui ciondolo si stacca per diventare una spilla. Orecchini che possono modificarsi in stili diversi. Mi piace poter fornire più scelte con un unico oggetto: è il trionfo della fantasia e della praticità d’uso.”.

Roberta usa metalli poveri, uniti a pietre, legno e perle e a ciò che la natura offre.

“ Il cristallo di rocca è il mio preferito. I materiali li cerco nei paesi che visito, nell’ambiente, nelle tradizioni. Adoro Venezia, per esempio, con i suoi magnifici vetri. Li ho usati moltissimo per i miei gioielli”.

“Ha mai esposto le sue creazioni?”

“Sicuro – risponde con un sorriso – e con grande soddisfazione. Ho esposto a Londra, alla fiera dell’artigianato italiano, dove è possibile trovare il meglio della produzione nazionale ed ho venduto tutto! Son tornata in Italia senza neanche un gioiello, in compenso avevo comprato tanti di quei sacchetti di tè che mi hanno fermato alla dogana pensando che fossero droga! – Ride allegramente – Mi ricordo la faccia dei finanzieri: ma perché ha comprato tutto questo tè? Erano increduli!

La soddisfazione maggiore l’ho avuta quando una mia cliente ha indossato un gioiello in occasione di una mostra. Era un saliscendi realizzato con fili di rubini grezzi e al centro un’orchidea bellissima. Era presente il presidente Napolitano che ha notato il monile e ha voluto sapere chi lo producesse. Scoperto che era artigianale ha voluto inviarmi i suoi complimenti.”

La voce di Roberta tradisce l’emozione del ricordo.

“Ricevere gli apprezzamenti del presidente della Repubblica non è cosa da poco e pensare che da bambina sognavo di fare la ballerina; durante l’adolescenza mi piaceva tutto ciò che fosse connesso alla moda. Al liceo ho, però, deciso che avrei fatto l’avvocato ma la malattia di mia madre mi ha spinto a interrompere gli studi.  E così ho preso un’altra strada. Al mondo dell’informazione scientifica mi sono avvicinata per caso. Certo è qualcosa di completamente differente dalla moda o dai monili anche se, in alcuni casi, la passione per i gioielli ha rappresentato un viatico. Scherzo sempre con gli specialisti che visito dicendo loro che ho iniziato questo hobby per scaricare le inquietudini che mi causano e più mi arrabbio, più sono creativa e produttiva. In realtà il mio lavoro è importantissimo perché mi permette di coltivare una passione fondamentale.”.

“Chi compra le sue opere?”

Gli uomini sono molto attratti dai miei gioielli, quasi un’alchimia, forse perché sono pezzi unici, prodotti per la persona cui vogliono regalarla e per la quale scelgo il colore più idoneo, la pietra più adatta, l’abbinamento più pertinente. Un oggetto su misura!”

“Dunque- informatore medico scientifico, moglie, madre, creatrice di monili, cos’altro?

“Fondamentalmente una bambina che ancora si emoziona nel toccare le perle, che gioca con i colori e si riappropria di una spensieratezza volata via troppo presto. Sono cresciuta in fretta, accollandomi tante responsabilità e la mia bambina è stata messa in un angolino e normalmente continua a starsene nascosta. Esce, solo, quando mi siedo al mio tavolo, con le mie scatole e le mie pietre. E’ la parte più bella, quella che mi appaga e mi placa, che mi fa sorridere e sentire soddisfatta. Per questo difendo questo spazio da tutto e da tutti.”.

Il tempo delle mele è passato ma non quello della consapevolezza e delle possibilità.

Roberta lo sa.

 

Post collegati (Potrebbero interessarti anche)
Cecilia Tessieri e l’arte del cioccolato
Le Parole  “Non dette”
La Voce dell’Anima
Lui non è Te
Ricomincio da “Serendipity”

Commenti

  1. Rosa

    marzo 21, 2013 at 22:03

    Dove si possono vedere le foto?

    • Sabrina De Federicis

      marzo 22, 2013 at 8:02

      Cara Rosa,
      sono contenta di questa domanda perchè le creazioni di Roberta sono davvero una iniezione di energia e positività.
      Ti fornirò il suo indirizzo email. Puoi anche vedere la trasmissione che andrà in onda sul canale 870 di SKY il 4 e 5 di Aprile.

      Un caro saluto

      Sabrina

  2. marco olla

    marzo 23, 2013 at 9:08

    complimenti alla giornalista che ha saputo descriderti così bene, in bocca al lupo a te e alla tua famiglia!!

    • sabrina de Federicis

      aprile 3, 2013 at 8:21

      Salv e Marco,
      grazie per i complimenti. Quando le energie positive sono così dirompenti e la creatività non si lascia imprigionare è un dovere dell’anima oltre che un piacere portarle alla ribalta. Una risonanza affinchè si convoglino solo eneregie positive

  3. daniela lezzerini

    marzo 25, 2013 at 9:54

    Chi ti conosce da quando la bambina non era ancora stata messa in un angolo, ha sempre saputo che ditero una spettacolare personalità covava un grande talanto.
    Continua a crescere ma non diventare mai adulta.
    Fiera ed orgogliosa di esserti amica
    Daniela

  4. Michela

    marzo 25, 2013 at 10:49

    Seguo sempre il canale HSE24 ma sul digitale terrestre al numero 37.

    Le creazioni di Le gioie di Roberta sono davvero suggestive, uniscono ad arte gli elementi della natura, più o meno preziosi e poi sono davvero orginali, insomma ogni donna ha il suo gioiello unico!!!! Non vedo l’ora di vedere cosa proporrà in TV!!!!

    Intanto vado a sbirciare su hse24.it se c’è già qualche anticipazione, altimenti ci vediamo in TV il 4 aprile!!!!

    Ciao
    Michela

    • sabrina de federicis

      aprile 3, 2013 at 8:23

      Cara Daniela,
      la bellezza del bambino creativo e fantastico che abbiamo, ciascuno, dentro di noi è un dono inestimabile. Un invito per tutti, a dargli spazio e ad ascoltarlo.
      Un caro saluto

      Sabrina

    • Sabrina de Federicis

      aprile 3, 2013 at 8:25

      Bello il tuo entusiasmo Michela! La curiosità e la gioia sono degli ingredienti fondamentali per un ben-essere quotidiano.
      a presto

      Sabrina

Lascia un commento

Informativa Policy